Skip to content

22 03 00

16 ottobre 2005

Mi stunasturu a testa

cu stu parrari d’amuri!

L’Amuri jè cani

di strata

Libbiru, sulu e chinu di zicchi

U jornu ca u ‘ncuntramu

Iddu ni fa tanti festi

e nuatri, suli chiossai di iddu,

chiù cani de’ cani,

nu tinemu strittu

ni pigghiamu tutti

i so’ festi

Ma ni scurdamu prestu

ca jè cane di strata

ca jè distinu ca si ni va

E quannu succedi

ni pinnamu tutti

ristannu suli, tristi

e chini di zicchi

Ni rattamu pi misi

luvannuni a peddi

faciennuni mali

picchì chistu

jè u prezzu di pavari

Nun mi stunati chiù a testa

Cu stu parrari d’amuri

L’Amuri jè cani

Di strata

Libbiru, sulu e chinu di zicchi

Si no vuliti…

No lassati avvicinari!

Annunci

From → mie poesie

2 commenti
  1. utente anonimo permalink

    qui che non ci ha scritto un commento nessuno, se permenttete, ci scrivo io, per dire che questa poesia dialettatle mi e’ piaciuta assaie anche se non riconosco il dialetto. Siciliano?

  2. Sì, esatto (rispondo con 4 anni di ritardo…).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: