Skip to content

Nitore cercasi

14 agosto 2014

So che senza gli opposti ben poco potremmo afferrare del mondo sensibile e di quello dentro di noi. Non c’è bellezza senza bruttezza, intimità senza solitudine, intelligenza senza stupidità, chiarezza senza confusione. Ciò nonostante sento la bilancia pendere sempre di più verso il lato negativo del confronto, verso il meno, verso la parte vuota.
In una corsa sfrenata verso il sonno costante rifiutiamo di guardare il cielo mentre fissiamo ostinati l’asfalto su cui precipitiamo verso niente. Sproloquiamo di libertà mentre oliamo e lucidiamo le catene che ci costringono, pontifichiamo sull’amore mentre affannosamente fuggiamo da esso come la vittima dall’assassino, convinti che questo stato di anestesia durerà per sempre. Come se il conflitto tra ciò che siamo e ciò che ci costringiamo ad essere non dovesse deflagrare mai.
Basterebbe uno sguardo nitido, preciso, spietato, per denudarci dalle nostre illusioni, per lasciarci soli al freddo della nostra incapacità di essere. Ma ce le teniamo addosso pervicacemente, come il barbone vergognoso stringe a sé i propri cenci, convinti che il tempo non stia passando mentre noi non siamo già che il nostro inconsapevole passato.

Ed io ho solo voglia di tornare a respirare.

Annunci

From → questo sento io

Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: